Analisi cliniche

Analisi cliniche

Le analisi cliniche sono tutti quegli esami effettuati in un laboratorio di analisi cliniche volti a effettuare misure su materiali e sostanze al fine di effettuare una diagnosi medica.

I laboratori di analisi si occupano di esaminare campioni di materiale biologico come sangue, urina, liquido cerebro-spinale e tessuto. Ci si può sottoporre ad analisi cliniche non solo per effettuare una diagnosi, ma anche per la prevenzione e per stabilire il metodo più performante per la cura di un paziente. In generale, gli obiettivi principali sono:

  • La diagnosi o l’esclusione di una patologia
  • Valutare la predisposizione del paziente ad una patologia
  • Determinare il progresso di una patologia
  • Indagini su fenomeni tossicologici
  • Ricavare dati statistici di tipo biologico caratterizzanti una popolazione o un soggetto

Le analisi cliniche più effettuate sono sicuramente quelle del sangue e delle urine. Tuttavia esistono anche altri tipi di analisi cliniche, meno di routine e più mirate, come, ad esempio, le analisi dello sperma (spermiocoltura) volte a diagnosticare patologie e attività infettive nell’organo genitale maschile e nel tratto uretrale.

Emocromo

L’emocromo (abbreviazione comunemente adoperata per esame emocromocitometrico) è sicuramente l’analisi clinica più comune ed è un esame di laboratorio del sangue, volto a determinare la quantità dei globuli, i livello dell’ematocrito, dell’emoglobina e di molti altri parametri. Spesso queste analisi vengono affiancate da analisi del sangue più mirate, come quelle volte a controllare il livello di colesterolo nel sangue.

Il campione di sangue viene prelevato attraverso un ago inserito in una vena superficiale del braccio. Il prelievo viene comunemente effettuato in clinica o in ospedale. Il sangue viene poi conservato a temperatura ambiente insieme ad un anticoagulante. Nel laboratorio di analisi viene analizzato da un macchinario, il contaglobuli, che è uno strumento di laboratorio capace di quantificare le componenti figurate del sangue.

Sul referto che poi verrà sottoposto al paziente vengono segnati i dati delle analisi con accanto i valori di riferimento, ovvero l’intervallo di valori normali secondo il sesso e l’età del paziente e la strumentazione utilizzata.

I parametri dell’emocromo sono:

  • Globuli bianchi. In caso di difetto il paziente sarà affetto da leucopenia, in caso di eccesso da leucocitosi.
  • Globuli rossi. In caso di difetto il paziente sarà affetto da anemia, in caso di eccesso si tratterà di poliglobulia o eritrocitosi.
  • Emogloblina. In caso di difetto il paziente sarà anemico.
  • Ematocrito. In caso di difetto il paziente sarà affetto da anemia, in caso di eccesso da poliglobulia.
  • Volume corpuscolare medio. In caso di difetto il paziente sarà affetto da microcitosi, in caso di eccesso da macrocitosi.
  • Contenuto cellulare medio di emoglobina. In caso di difetto il paziente sarà affetto da anemia ipocromica.
  • Concentrazione cellulare media di emoglobina.
  • Ampiezza della distribuzione eritrocitaria.
  • Reticolociti. In caso di eccesso il paziente sarà affetto da reticolocitosi.
  • Piastrine . In caso di difetto il paziente sarà affetto da piastrinopenia o da trombocitopenia, in caso di eccesso da piastrinosi o trombocitosi.
  • Volume piastrinico medio.

Analisi delle urine

Le analisi delle urine sono analisi cliniche che permettono di valutare le caratteristiche dell’urina. I medici prescrivono questo tipo di analisi quando vi è il sospetto di un’infezione dell’apparato urinario o per notare l’efficacia di un trattamento. Le carattestiche che vengono riscontrate in un’analisi delle urine sono di tre tipi: fisiche, chimiche e microscopiche. Le caratteristiche fisiche sono quelle che riguardano l’ “aspetto” del campione, facendo riferimento a parametri come il colore, la limpidezza, l’odore e il peso specifico. Le caratteristiche chimiche sono invece legate alle qualità chimiche del campione, come il pH, la concentrazione di proteine, nitriti e glucosio, ecc. Le caratteristiche microscopiche sono quelle che riguardano, invece, la presenza di cristalli, di batteri, parassiti, la presenza di calchi, globuli rossi o bianchi, ecc.

Ovviamente, anche nel caso delle analisi dell’urina, l’esame può essere mirato e comprensivo di un antibiogramma.